Osteoporosi severa, approvazione dalla Commissione Europea Romosozumab

Solo 2 su 10 tra coloro che soffrono di osteoporosi e hanno già avuto fratture, è curato in modo adeguato: per tutti gli altri è molto alto il rischio che una banale caduta o uno scivolone possa provocare una nuova frattura del femore, di un polso o di una vertebra. Circa l’80% dei pazienti con frattura femorale o vertebrale da fragilità, oppure in trattamento cronico con glucocorticoidi, non ha né una diagnosi corretta, né un adeguato trattamento farmacologico, come emerso dai recenti dati OsMed pubblicati dall’Aifa. E in cifre si stima che siano 1mln e 200 mila gli italiani in questa allarmante situazione, per lo più anziani fragili che presentano già altri problemi di salute: con un trattamento efficace potrebbero mantenere “in sicurezza” il loro scheletro e avere dunque maggiori possibilità di una qualità di vita con una buona autonomia. Non solo, è critica la situazione anche per quanto riguarda l'aderenza alla terapia: dopo un anno, solo il 50% dei pazienti segue le cure prescritte.

Per dare risposte puntuali alle richieste dei pazienti, otto Società Scientifiche, Sie, Sigg, Simfer, Simg, Simi, Siommms, Sir e Siot, grazie alla creazione di una Commissione intersocietaria coordinata dal Prof Giancarlo Isaia, hanno prodotto e condiviso nuove Linee Guida aggiornate sulla gestione dell'osteoporosi e delle fratture da fragilità. Obiettivo del documento - presentato congiuntamente oggi a Roma al Cnr nell’ambito del workshop “La gestione appropriata delle fratture da fragilità” - è quello di offrire uno strumento di lavoro nella pratica clinica e tutelare così la salute di pazienti e anziani fragili.

“Le nuove Linee guida condivise sono un obiettivo importante raggiunto dalla Commissione intersocietaria – commenta il Coordinatore Giancarlo Isaia e past president della Siommms – la Commissione, infatti, si è formata con il preciso scopo di diffondere a una platea di oltre 30 mila medici, concetti scientifici moderni e indicazioni pratiche riguardo alle modalità operative e di gestione dell'osteoporosi e delle fratture”.

Prof Giancarlo Isaia

Leggi il PDF sull'argomento

L'osteoporosi, una malattia degenerativa...